il blog di Giorgio Montanari

candidato consigliere comunale a Imperia per Guido Abbo Sindaco

Ora alfiere della street-art?

Fonte: Il Secolo XIX

Fonte: Il Secolo XIX

Non ne ho più parlato qui nel blog altrimenti correvo il rischio di diventare monotematico. Ma dopo l’annuncio della nascita di un “Comitato di quartiere” per salvaguardare la vivibilità di Caramagna – una volta che La Talpa si sarà insediata nella nuova location – il Consigliere Regionale Saso aveva detto che avrebbe aderito all’istante, per controllare “dalla prima fila” l’evolversi degli eventi.

Bene, è notizia di oggi che a seguito della convocazione dal Prefetto, in Circoscrizione comincino ad essere meno drastici. Il Presidente Guarise dice, tra le altre cose:

Riteniamo sia giusto, visto che la presenza della Talpa apporterà all’intera zona nuova linfa e occasioni di aggregazione, un potenziamento della rete di illuminazione pubblica.

E non è tutto:

Tra Circoscrizione e Talpa è previsto a breve termine un incontro per articolare un progetto complessivo che preveda non solo la realizzazione di disegni e immagini murali, ma un vero e proprio Festival artistico, nell’ambito del quale potranno cimentarsi i talenti emergenti della Street Art, che comprende anche scultura, video installazioni, fotografia, animazione e momenti di approfondimento e di dibattito. “La Talpa” vanta significative esperienze e contatti nel settore avendo, tra l’altro, già ospitato più volte a Imperia Francesco Del Casino, accademico e considerato uno dei principali artisti della Street Art italiana. (da La Stampa)

Incredibile, arriva la proposta di fare qualcosa ASSIEME anziché uno CONTRO l’altro. Ora mi chiedo: cosa si inventeranno a questo punto? Senza scontro e senza pregiudizi, quale onda cavalcare?

Non mi resta che immaginare la prossima (im)possibile interpellanza di Saso in Regione:

“Ritengo che la crew di writers di cui faccio parte sia stata discriminata: al festival della street art devono poter partecipare tutti nel rispetto della pluralità artistica. Io ed i miei non siamo stati chiamati nemmeno per fare un po’ di break-dance: non è possibile, la regione deve intervenire.”

E non potremo che essere tutti d’accordo.

Commenti

commenti

Powered by Facebook Comments

2 commenti

  1. Pingback: il blog di Giorgio Montanari - Parlare perché si ha la lingua in bocca

  2. sta storia puzza. ma tanto.

Rispondi a titus Annulla risposta

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.